del 6 Agosto 2006

 

MARCELLINARA – Festa bagnata festa fortunata? Non saranno molto d’accordo gli organizzatori della seconda edizione de “La festa dei sapori”, realizzata a Marcellinara dal Comune con il patrocinio dall’assessorato alle Politiche agricole della Provincia. Un violento acquazzone infatti ha costretto ad un rapido cambio di programma che, comunque, non ha inficiato valore e significato dell’iniziativa. Alla manifestazione enogastronomia curata dall’associazione “I fili di Arianna” presieduta da Lina Tavano sono intervenuti il primo cittadino di Marcellinara avv. Annarita Donato, gli assessori provinciali Pasqualino Ruberto e Giovanni Mirarchi,  l’on. Franco Amendola, ma soprattutto le tante donne di Marcellinara che hanno realizzato i piatti tipici delle diverse culture messe a confronto. Un pubblico ed una organizzazione nel complesso che non si sono arresi nel momento in cui sono cadute le prime gocce di pioggia ad inizio manifestazione. E quando la situazione è peggiorata l’associazione marcellinarese non s’è persa d’animo ed ha deciso di spostare l’intera esposizione nei locali sottostanti la pubblica piazza. Un’occhiata e via, decine e decine di persone con tavoli e piatti alle mani per far riuscire al meglio, nonostante tutto, la manifestazione enogastronomica. Decisivo in questo frangente il contributo dei “Fili di ferro”, il contraltare al maschile dei “Fili di Arianna”, creati per gioco ma, in realtà, sincero omaggio degli uomini di Marcellinara all’inventiva, alla capacità e alla fantasia delle loro donne. I piatti esposti sono stati restituiti vuoti ai proprietari, la pioggia non ha fermato quindi l’appetito dei marcellinaresi, dei turisti e della gente venuta dai paesi limitrofi. Pasta di casa e piatti tipici sono stati le basi della manifestazione, in cui ha trovato spazio anche un tavolo di cibi etnici preparato da donne di diverse nazionalità  (Marocco, Cina, Finlandia, Colombia, Russia, Francia) e di diverse regioni d’Italia da tempo integrate in quel di Marcellinara, e che hanno contribuito a far conoscere sapori e profumi diversi di eguale spessore. L’associazione “I fili di Arianna” ha voluto così dare quest’anno un diverso significato alla manifestazione: non solo recuperare antichi sapori marcellinaresi, ma anche confrontarli e integrarli, in un sapiente gioco di aromi e profumi, con le esperienze gastronomiche più diverse. Gli organizzatori sono rimasti soddisfatti per l’esito della manifestazione, poiché i tanti visitatori hanno potuto ammirare l’allestimento scenografico delle tavole imbandite e i piatti preparati prima dell’arrivo della pioggia che ha costretto lo spostamento dell’allocazione dei tavoli nei locali del salone della feste. Il cabarettista Gennaro Calabrese e il cantante Samuel Bono, vincitore lo scorso anno del Girofestival organizzato dalla Rai, hanno concluso la serata con una esibizione e un concerto organizzati dall’amministrazione comunale.